Giochiamo in grotta!

Bimbi in grotta: impariamo giocando!
Il tuo bambino respira aria sana e pulita mentre immagina, gioca, cresce, sotto la guida di un’educatrice psicomotricista specializzata.

Classi di attività

(max 5 partecipanti)
– Bambini/e dai 18 ai 36 mesi
– Bambini/e dai 3 ai 5 anni

Tempi

4 incontri a cadenza settimanale della durata di 45′ ciascuno.
Ogni classe è autonoma, non intercambiabile e a numero chiuso.

Classe di attività 18-36 mesi

Contenuti: ogni singolo incontro avrà come spunto di partenza la narrazione di una storia che proporrà un contesto dal quale partire per lo sviluppo di percorsi fantastici e creativi.
Metodologia: utilizzando un approccio ludico, in ogni incontro verranno presentate situazioni a carattere espressivo e di educazione psicomotoria con particolare attenzione all’aspetto relazionale tra e con i bambini/e.
Verranno utilizzati materiali strutturati e non strutturati come mezzi di amplificazione dello spazio creativo ed immaginario proprio del bambino.
Il gioco corporeo ed il piacere senso motorio saranno gli strumenti principali del percorso.

Classe di attività 3-5 anni

Contenuti: ogni singolo incontro avrà come spunto di partenza la narrazione di una storia che proporrà un contesto dal quale partire per lo sviluppo di percorsi fantastici e creativi.
Lettura della storia con drammatizzazione della stessa utilizzando travestimenti non strutturati.
Manipolazione di materiale strutturato e non strutturato per la realizzazione di scenari simbolici incastonati nella suggestione della grotta.
Invenzione e drammatizzazione di altre storie possibili ambientate nello scenario realizzato.
Metodologia: utilizzando un approccio ludico e corporeo in ogni incontro verranno presentate situazioni a carattere espressivo e di educazione psicomotoria con particolare attenzione all’aspetto relazionale tra e con i bambini/e.
Verranno utilizzati materiali strutturati e non strutturati come mezzi di amplificazione dello spazio creativo ed immaginario proprio del bambino.

«Sarà un momento di attenzione privilegiata al bambino/a attraverso tecniche ludiche di educazione psicomotoria ed espressiva. la grotta di sale diviene, oltre che luogo di benessere, luogo di risonanza delle capacità immaginifiche e creative del bambino. il testo narrativo da cui prende il via l’incontro trova un luogo “magico” di ambientazione portando il bambino a percepire e percepirsi in un contesto slegato dalla quotidianità.»

EDUCATRICE: ELISABETTA CORVI

Insegnante alla scuola materna Don Minzoni di Piacenza, educatrice in psicomotricità ed espressione corporea, terapista, formatrice in psicomotricità e relazione di aiuto in corsi di specializzazione per adulti.